Dr. Tessitore Cristofaro Ferdinando


Ginecologo

  • testata
  • testata
  • testata

STILI DI VITA

stili di vita gravidanza

QUALI SONO LE MISURE DI PREVENZIONE EFFICACI IN GRAVIDANZA PER RIDURRE I RISCHI DI LISTERIOSI, SALMONELLOSI E TOXOPLASMOSI?

I professionisti devono informare le donne in gravidanza su come ridurre il rischio di listeriosi. Per ridurre il rischio di listeriosi si consiglia:

  • - Bere solo latte pastorizzato o UHT
  • - Evitare di mangiare carni o altri prodotti elaborati da gastronomia senza che questi vengano nuovamente scaldati ad alte temperature
  • - Evitare di contaminare i cibi in preparazione con cibi crudi e/o provenienti dai banconi di supermercati, gastronomie e rosticcerie
  • - Non mangiare formaggi molli se non si ha la certezza che siano prodotti con latte pastorizzato
  • - Non mangiare patè di carne freschi e non inscatolati
  • - Non mangiare pesce affumicato.

I professionisti devono informare le donne in gravidanza su come ridurre il rischio di salmonellosi.

Per diminuire il rischio di salmonellosi si consiglia di:

  • - Lavare frutta e verdura prima della manipolazione e del consumo
  • - Lavare le mani prima durante e dopo la preparazione degli alimenti
  • - Refrigerare gli alimenti preparati in piccoli contenitori, per garantire un rapido abbattimento della temperatura
  • - Cuocere tutti gli alimenti derivati da animali, soprattutto pollame, maiale e uova
  • - Evitare (o perlomeno ridurre) il consumo di uova crude o poco cotte (per esempio, all’occhio di bue), di gelati e zabaioni fatti in casa, o altri alimenti preparati con uova sporche o rotte
  • - Consumare solo il latte pastorizzato o UHT
  • - Proteggere i cibi preparati dalla contaminazione di insetti e roditori
  • - Evitare le contaminazioni tra cibi, avendo cura di tenere separati i prodotti crudi da quelli cotti
  • - Evitare che le persone con diarrea preparino gli alimenti.

I professionisti devono informare le donne in gravidanza su come ridurre il rischio di toxoplasmosi.

Per diminuire il rischio di toxoplasmosi si consiglia di:

  • - Lavare frutta e verdura (incluse le insalate già preparate) prima della manipolazione e del consumo
  • - Lavare le mani prima durante e dopo la preparazione degli alimenti
  • - Cuocere bene la carne e anche le pietanze surgelate già pronte
  • - Evitare le carni crude conservate, come prosciutto e insaccati
  • - Evitare il contatto con le mucose dopo aver manipolato carne cruda
  • - Evitare il contatto con terriccio potenzialmente contaminato da feci di gatto ( eventualmente indossare i guanti e successivamente lavare bene le mani)
  • - Evitare il contatto con le feci dei gatti ( eventualmente indossare i guanti nel cambiare la lettiera e successivamente lavare bene le mani).

ALIMENTAZIONE IN GRAVIDANZA

alimentazione in gravidanza

In gravidanza è consigliata un’alimentazione variata.

Gli alimenti da includere sono:

  • - Abbondanti quantità di frutta e verdura
  • - Farinacei come pane, pasta, riso, patate
  • - Proteine derivate da pesce, carne, legumi
  • - Abbondanza di fibre derivate da pane integrale, frutta e verdura
  • - Prodotti caseari come latte, formaggi, yoghurt.

Per un principio di precauzione, i professionisti devono informare le donne in gravidanza del fatto che alcuni tipi di alimenti possono rappresentare un rischio per madre e feto:

  • - Formaggi a pasta molle derivati da latte crudo e muffe, come Camembert, - Brie e formaggi con venature blu
  • - Patè, inclusi quelli di verdure
  • - Fegato e prodotti derivati
  • - Cibi pronti crudi e semicrudi
  • - Carne cruda o conservata, come prosciutto e salame
  • - Frutti di mare crudi, cozze e ostriche
  • - Pesce che può contenere un’alta concentrazione di metil-mercurio, come tonno ( il consumo deve essere limitato a non più di due scatolette di media grandezza o una bistecca al tonno a settimana), pesce spada o squalo
  • - Latte crudo non pastorizzato.

In gravidanza il consumo di caffeina (presente nel caffè, nel tè, nella cola e nel cioccolato) dovrebbe essere limitato a non più di 300 mg/die.

IN GRAVIDANZA E NEL PERIODO PERICONCEZIONALE E’ EFFICACE LA SUPPLEMENTAZIONE CON ACIDO FOLICO, FERRO, VITAMINA A, VITAMINA D.

  • - Si raccomanda che le donne che programmano a gravidanza, o che non ne escludono attivamente la possibilità, assumano regolarmente almeno 0,4 mg al giorno di acido folico per ridurre il rischio di difetti congeniti. Per essere efficace l’assunzione di acido folico deve iniziare almeno un mese prima del concepimento e continuare per tutto il primo trimestre di gravidanza.
  • - La supplementazione con ferro non deve essere offerta di routine a tutte le donne in gravidanza, dal momento che no porta benefici di salute per la madre e il feto e può avere effetti collaterali indesiderati.
  • - I professionisti devono informare le donne in gravidanza che la supplementazione con
  • - vitamina A (assunzioni maggiori di 700 microgrammi al giorno) deve essere evitata perché potenzialmente teratogena.
  • - I professionisti devono informare le donne in gravidanza che è opportuno evitare il consumo di fegato e di alimenti prodotti a partire dal fegato,in quanto contengono elevati livelli di vitamina A.
  • - La supplementazione routinaria con vitamina D in gravidanza non è raccomandata.
  • - La supplementazione è consigliata, dopo una valutazione caso per caso, nelle donne appartenenti ai seguenti gruppi a rischio:
  • Donne del sud asiatico, africane, caraibiche e di origini medio orientali
  • Donne che si espongono raramente al sole
  • Donne che seguono un’alimentazione povera di vitamina D.
Apri la vetrina

IN QUALE QUANTITA’ L’ALCOL IN GRAVIDANZA PUO’ ESSERE CONSIDERATO NON DANNOSO PER LA SALUTE MATERNA E FETO- NEONATALE?

Poiché le prove di efficacia non sono conclusive, per un principio precauzionale i professionisti devono informare le donne in gravidanza o che hanno pianificato una gravidanza che la scelta più sicura è non assumere alcool.

Apri la vetrina

QUALI SONO IN GRAVIDANZA I RISCHI DEL FUMO SULLA SALUTE MATERNA E FETO-NEONATALE?

  • - Il fumo in gravidanza comporta rischi per la salute feto- neonatale.

- Al primo contatto con la donna i professionisti devono accertare se fuma e, in caso positivo, discutere la sua condizione di fumatrice e offrirle informazioni circa i rischi per il nascituro associati al fumo (come la maggiore probabilità di parto pretermine), compreso quello passivo, enfatizzando i benefici che derivano dalla scelta di smettere di fumare.

  • - Il professionista della salute deve rispondere alle domande della donna e del partner circa la possibilità di smettere di fumare e deve offrire informazioni personalizzate, consigli e supporto su come smettere di fumare per tutto il periodo della gravidanza e oltre.
  • - Le donne che non ritengono di essere in grado di cessare completamente l’abitudine al fumo devono essere incoraggiate a ridurre in numero di sigarette e, più in generale, l’esposizione al fumo.
Apri la vetrina

QUALI SONO GLI EFFETTI DEL CONSUMO DI CANNABIS IN GRAVIDANZA SULLA SALUTE MATERNA E FETO- NEONATALE?

I professionisti devono informare le donne in gravidanza del fatto che gli effetti dannosi diretti della cannabis sul feto sono incerti, ma non possono essere esclusi.

Apri la vetrina

QUALI SONO I BENEFICI E I DANNI DELL’ASSUNZIONE DI FARMACI IN GRAVIDANZA?

  • - Il ricorso ai farmaci in gravidanza, compresi quelli da banco e quelli non convenzionali, deve avvenire in caso di effettiva necessità, poiché solo di un numero esiguo di essi è stata provata la sicurezza in gravidanza.
  • - La scelta di un farmaco per il trattamento di una patologia acuta o cronica della donna in gravidanza può essere supportata consultando un centro di informazione teratologica e /o lo specialista di riferimento.
  • - I professionisti devono informare le donne in gravidanza e le donne che stanno pianificando una gravidanza del fatto che sono pochi i farmaci, compresi quelli da banco e quelli non convenzionali, di cui è stata provata la sicurezza in gravidanza.
  • - I professionisti devono informare le donne in gravidanza e le donne che stanno pianificando una gravidanza del fatto che sono pochi i farmaci, compresi quelli da banco e quelli non convenzionali, di cui è stata provata la sicurezza in gravidanza.
  • - I professionisti devono informare le donne in gravidanza e le donne che stanno pianificando una gravidanza che anche l’assunzione di farmaci da banco e non convenzionali va valutata con il professionista che le assiste.
Apri la vetrina

QUALI SONO GLI EFFETTI DELL’ATTIVITA’ FISICA IN GRAVIDANZA SULLA SALUTE MATERNA E FETO – NEONATALE?

  • - I professionisti devono informare le donne in gravidanza che iniziare o continuare un’attività fisica moderata in gravidanza non è associato a eventi avversi.
  • - I professionisti devono informare le donne in gravidanza riguardo i potenziali pericoli di un’attività sportiva che proveda impatto fisico e possa comportare il rischio di cadute e traumi addominali e notevole sforzo fisico.
  • - I professionisti devono informare le donne che le immersioni subacquee in gravidanza sono risultate associate a difetti congeniti e a malattia fetale da decompressione.
Apri la vetrina

QUALI SONO LE CONSEGUENZE DELL’ATTIVITA’ SESSUALE IN GRAVIDANZA SULLA SALUTE MATERNA E FETO-NEONATALE?

I professionisti devono informare le donne che avere rapporti sessuali nel corso della gravidanza non è associato a eventi avversi.

Apri la vetrina

QUALI SONO I RISCHI LEGATI AI VIAGGI IN AEREO IN GRAVIDANZA?

  • - I professionisti devono informare le donne in gravidanza che i viaggi aerei di lunga percorrenza sono associati a un rischio aumentato di trombosi venosa nella popolazione generale, ma non è chiaro se ci sia un’ulteriore incremento di questo rischio in gravidanza.
  • - L’utilizzo di calze elastiche in viaggi aerei a lunga percorrenza è efficace nella popolazione generale
Apri la vetrina

L’USO DELLE CINTURE DI SICUREZZA IN GRAVIDANZA COMPORTA DEI RISCHI? QUAL’E’ L’USO CORRETTO?

I professionisti devono informare le donne in gravidanza l’uso della cintura di sicurezza non presenta dei rischi e risulta efficace nel ridurre le conseguenze di un incidente. I professionisti devono anche informare le donne del corretto uso della cintura di sicurezza.

Apri la vetrina
STUDIO GINECOLOGICO TESSITORE | 6, Via D'Aragona - 81031 Aversa (CE) | P.I. 03669640611 | Tel. 081 8901755   - Cell. 366 3002041 | nandotessitore@libero.it | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy | Sitemap
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite Easy